La reputazione dei manager alla prova geopolitica. Sul podio Messina, Starace e Descalzi

Si chiama geopolitica la sfida più delicata di questo inizio 2022. La performance di febbraio riflette il cambio di scenario in atto: un avvio positivo e fosche nubi che già si stavano addensando verso la fine del mese. I più esposti al conflitto tra Russia e Ucraina sono i top manager di finanza e energia.

Dovranno garantire risultati in una situazione di estrema incertezza e saranno chiamati a prendere posizione su questioni sempre più complesse, con possibili ripercussioni anche sulla loro reputazione.

Carlo Messina (78.44) resiste e conquista il vertice della classifica Top Manager Reputation, l’Osservatorio permanente di Reputation Science sulla reputazione online dei vertici delle aziende attive in Italia. Driver della sua crescita il nuovo piano, applaudito anche da Tronchetti Provera e Salini: 22 miliardi di dividendi fino al 2025 e l’obiettivo di creare valore per tutti gli stakeholder di Intesa Sanpaolo. Per il settore Finance Matteo Del Fante di Poste Italiane (72.45) conquista la sesta posizione, si conferma in top15 Alessandro Benetton di Edizione (59.68). Andrea Orcel di Unicredit (+7) continua la sua ascesa ma ora dovrà affrontare il periodo più difficile.

L’articolo completo su Prima Comunicazione:

Condividi questo articolo: